il territorio – cenni storici

CENNI STORICI

La città di Somma Vesuviana che sorge sulle pendici del gruppo vulcanico del Somma – Vesuvio è certamente di antichissime origini. La storia del luogo è legata alla vita del Vesuvio, di cui il Monte Somma rappresenta il più antico cratere vulcanico. Grazie alla scoperta dei ruderi di un imponente edificio di epoca romana sepolto in località Starza, si è avuta la prova certa che il luogo era abitato nei secoli antecedenti la famosa eruzione del 79 d.c. che seppellì Pompei ed Ercolano. La grandiosità del portico di accesso, studiato dalle più insigni personalità in campo archeologico, rivelò che la Villa doveva sicuramente appartenere alla Casa Imperiale degli Ottavi e portarono alla formulazione dell’ipotesi che quasi sicuramente nell’immensa villa, fosse morto il fondatore dell’Impero Romano, Ottavio Augusto. Tale ipotesi è fondata anche sulla frase con cui lo storico Tacito afferma che l’Imperatore, nel 14 d.c., fosse morto in una villa vicino Nola. La città di Somma fu certamente un luogo ospitale e fertilissimo ma, soprattutto, un luogo di rilevante importanza strategica. Sul luogo dove poi sorse Somma sono passate diverse civiltà: gli Etruschi, gli Osci, i Romani.

Con gli Aragonesi la Terra di Somma continua a conservare il ruolo privilegiato di residenza reale. Per ordine di Ferrante I  viene riparata  S.Domenico e ordinata la ricostruzione delle Mura di Somma (cosiddette “aragonesi” nel quartiere Casamale).

Al di fuori delle mura troviamo edifici e Chiese di notevole pregio artistico architettonico: Convento e Chiesa di S.Domenico, Palazzo della Starza Regina, Convento e Chiesa di S.Maria del Pozzo, La Collegiata e una schiera di palazzi nobiliari: De Felice-Alfano, Campochiaro- Torino, Giusto-Cimmino, Monastero dei Martiniani-Gerace-Giuliano).

Molte sono le manifestazioni folkloristiche attraverso cui i Sommesi fanno rivivere il loro passato e che si succedono nel corso dell’anno. Oggi le risorse del paese sono in attività di tipo artigianale e industriali. Tra le attività artigianali è molto rinomata quella del ricamo, la cui mostra-esposizione, si tiene verso la fine di Maggio presso i Padri Trinitari (Casamale).

 

Il territorio

  • Altitudine         151, slm
  • Abitanti             34000
  • Estensione         33 Km quadrati
  • Attività
  • Agricoltura
  • Carpenteria metallica
  • Artigianato (legno, ferro, materassi, ricamo)
  • Lavorazione di frutta  fresca e di frutta secca
  • Lavorazione e commercio di stoccafisso
  • Ristorazione

Monumenti e siti

  • Complesso monumentale di S. Maria del Pozzo
  • Chiesa di S. Domenico
  • Chiesa Collegiata
  • Castello D’Alagno
  • Mura Aragonesi
  • Resti del Castello Normanno
  • Starza della Regina
  • Masserie varie
  • Scavi della Villa Augustea

 

 

 

RISORSE DEL TERRITORIO Pubbliche

Scolastiche

N° 3 circoli – N° 1 scuola secondarie di 1° grado – N° 2 scuole secondarie di 2° grado: Liceo scientifico e classico Torricelli – I.T.I.S. Majorana

Culturali

Biblioteca comunale Giovani per il mondo Unito – Museo della Civiltà contadina – Ente Parco Nazionale del Vesuvio

Ricreative

Associazioni religiose – Circolo Ricreativo per anziani – Corale Polifonica ONLUS

Sanitarie

ASL 4 – Ambulatori – Consultorio

Sportive

Campo sportivo – Campo di basket  RISORSE DEL TERRITORIO Private

Scolastiche

Istituto delle Suore Trinitarie – Istituto Montessori – Istituto Montale

Sportive

Scuole di calcio – Palestre – Scuole di danza – Piscina

Ricreative

Sala giochi – Circoli Ricreativi

Sanitarie

Casa di cura S. Maria del Pozzo

Ass.culturali

Caritas – ProtezioneCivile – Pro/loco Fidapa – Arcobaleno – Metanova – Ass.interc.Don Lorenzo Milani – Arci

Lascia un Commento